Skip to main content

Insieme sulla via di San Benedetto, #vivimonte fa un salto nei secoli e vi porta sulla #viabenedicti.

Sabato 9 dicembre, si partirà alle 8:30 da Casamari, ci muoveremo tra i luoghi simbolo della spiritualità locale partendo appunto dalla magnificente Abbazia, passando per il Convento di San Francesco, i resti del Convento di San Giovanni, il glorioso Castello Ducale per giungere a San Pietro D’Arenula, ultima tappa di questo assaggio di cammino.

Poco meno di sei chilometri, dove convergeranno fede, storia e cultura. Non a caso, ad accompagnare i partecipanti ci sarà una guida turistica certificata, una guida AIGAE Stefania Fabrizi mentre la Dott.ssa Maria Elena Catelli, vicepresidente di Via Benedicti, sarà la voce narrante del racconto spirituale che lega San Benedetto a questo territorio.

Un nodo viscerale che verrà sancito lungo il percorso con l’inaugurazione di un nuovo pannello informativo installato sulla Via Benedicti grazie al contributo di Acea.

Insieme ad un mix perfetto di foto e informazioni presenti sul cartellone, si troverà un pratico qrcode, grazie al quale si potrà scaricare l’App Waidy WOW per conoscere i punti idrici e le sorgenti in prossimità dei luoghi censiti, il tutto in chiave smart e green.

“Anche quest’anno proponiamo un appuntamento di qualità sulle orme di San Benedetto nell’ottica di #vivimonte perché l’influenza della spiritualità benedettina rappresenta un incredibile volano di promozione territoriale.- Ne è certa la consigliera con delega alla cultura Floriana Belli- Lo scopo di #vivimonte e di tutto il carnet di esperienze proposte mira a presentare un’offerta turistica completa, sviluppata attraverso idee innovative e mezzi di comunicazione efficaci e immediati affidata a un’immagine coordinata e facilmente riconoscibile. Anche l’iter delle prenotazione online è una scelta mirata: oltre a permettere a tutti in modo smart di fermare la propria partecipazione, l’indicizzazione del portale consente di targetizzare il flusso turistico e migliorare sempre più il progetto di promozione culturale in base all’indicizzazione dei partecipanti.”

“Un plauso va a tutta l’amministrazione di Monte San Giovanni Campano che ha riconosciuto il grande potenziale del turismo religioso e del turismo dei cammini. -Così Francesco Rabotti, presidente dell’Aps Via Benedicti- Crediamo che sia necessario improntare un percorso turistico sedimentato e indicizzato, prodotto su basi statistiche certe.

Per riprendere una citazione di un illustre ospite di #vivimonte 2022, Emilio Casalini, San Benedetto rappresenta davvero il “Brand dell’umanità”: questo motiva tutto il nostro impegno affinché la Via Benedicti ottenga il riconoscimento di “Itinerario Culturale Europeo”. I cammini sono parte del patrimonio culturale di questa terra e possono ben inserirsi in un progetto di rilancio territoriale”.

Sabato 9 dicembre, al termine del percorso intorno alle 13, per tutti i partecipanti bruschetta calda e vino. Prenotazioni attive, come di consueto per #vivimonte, su Eventbrite al link https://shorturl.at/BCT67